HOTEL
MILANO SCALA

MenĂ¹

Vissuto solo 67 anni, il geniale, versatile e inquieto Leonardo Da Vinci - pittore, ingegnere, inventore - trascorse a Milano uno dei suoi periodi più intensi e creativi e tanti sono i punti della città che ne testimoniano il passaggio. 

Chiamato a Milano come ingegnere nel 1482, Leonardo dimostrò subito il suo eccezionale ingegno stimolato da questa metropoli che, a quanto pare, amava particolarmente e dove restò quasi vent’anni, andandosene solo nel 1500. 

La città di Milano dal prossimo mese di Maggio 2019 renderà onore a questa felice convivenza con una serie di mostre e celebrazioni in occasione del 500° anniversario della sua morte. 

In attesa del ciclo di eventi del prossimo anno, qui di seguito vi proponiamo i luoghi di Milano dove si possono trovare alcune testimonianze del “genio leonardesco”. 

Scopriamoli in un percorso di 8 tappe, naturalmente partendo dall’Hotel Milano Scala!

IL MONUMENTO A LEONARDO

In pieno centro di Milano, in Piazza Della Scala si trova il bellissimo monumento a Leonardo realizzato nel 1872 dallo scultore Pietro Magni e che costituisce un omaggio di grande espressività al genio. Scolpito con grande meticolosità e abilità, questo monumento pone al centro una statua alta più di quattro metri raffigurante il Maestro Da Vinci che, con aria contemplativa e preso in chissà quale intuizione, guarda verso il basso assorto nei suoi pensieri. Accanto alla statua, Leonardo viene raffigurato in alcuni piccoli riquadri che riassumono le sue arti e i suoi talenti, ad esempio: mentre dipinge il Cenacolo, durante la realizzazione del cavallo sforzesco o mentre allestisce opere militari e idrauliche. Inoltre, nell’opera Il Magni ha rappresentato quattro grandissimi allievi di Leonardo che da lui impararono i segreti dell’arte e della prospettiva fra cui Cesare Da Sesto, straordinario pittore lombardo autore di dipinti e disegni di grande pregio. 

LEONARDO DA VINCI ALLA PINACOTECA DI BRERA 

Varie sono le opere del Maestro alla Pinacoteca di Brera come il disegno “Uomo a mezzo busto”, dove da subito si riconoscono vivacità e meticolosa precisione figurativa, e “Studi tecnici di un contatore d’acqua per Bernardino Rucellai”. 

https://pinacotecabrera.org

 IL CODICE ATLANTICO 

Ingegno curioso, versatile e sempre in cerca di novità e contenuti, Leonardo, come pochi altri, Pascal, Montaigne o Aristotele, seppe spaziare fra discipline molto diverse anche opposte fra loro. Dalla filosofia alla matematica, dall’astronomia alla botanica, alle prime intuizioni su macchine volanti che anticiparono di secoli l’invenzione dell’aereo in una sconfinata gamma d’intuizioni ed idee raccolte in più di mille pagine di manoscritto divise in 12 volumi. Questo meraviglioso insieme di conoscenza e vivacità intellettuale e scientifica è denominato "Codice atlantico" e raccoglie una vita di lavoro e di attività incessante del genio toscano dal 1478 al  1519, anno della sua morte. 

Il Codice Atlantico” è custodito presso i locali della Pinacoteca Ambrosiana insieme ad un’altra preziosa opera, il "Ritratto di Musico" del 1485.

http://www.ambrosiana.eu/cms/

 “L’ULTIMA CENA”

Una delle sue opere più famose internazionalmente è sicuramente “L’ultima cena” detta anche “Il cenacolo” custodito nella Chiesa di Santa Maria Delle Grazie. Passato alla storia grazie alla sublime tecnica pittorica e alla la perfezione stilistica e prospettica e la rappresentazione al tempo stesso emotiva e realistica della narrazione, finora non si sapeva nulla della nascita di questo dipinto. 

A questo proposito, a partire dal 13 ottobre fino al 13 gennaio la sua “genesi” creativa e i disegni che hanno formato questa opera saranno oggetto dell’interessante mostra “Prime idee per l’ultima Cena” che si terrà proprio nella Chiesa di Santa Maria delle Grazie. Si tratta di una piccola esposizione, una decina di disegni, ma di grande pregio, in quanto molto rari e provenienti niente meno che dalla Royal Collection della Regina Elisabetta II. L’iniziativa permetterà di comprendere misteri e segreti di questo immortale capolavoro artistico e di apprezzarne ancora di più la bellezza e l’espressività. Nel Refettorio della Chiesa di Santa Maria Delle Grazie si possono ammirare inoltre i notevoli " Ritratti dei Duchi di Milano con figli". 

https://cenacolovinciano.vivaticket.it

LA CASA DEGLI ATELLANI

In tema di luoghi in cui visse Leonardo, a poca distanza da Santa Maria Delle Grazie si trova la Casa degli Atellani, uno splendido edificio rinascimentale in cui si pensa Leonardo vivesse mentre lavorava al suo “Cenacolo. Una dimora di rara bellezza, chiusa fino al 2015 e poi riaperta con Expo, restaurata dal grande architetto Pietro Portaluppi nel 1919, che ne conservò magistralmente le architetture rinascimentali risaltandone la magnificenza.

https://www.vignadileonardo.com/it

MUSEO DELLA SCIENZA E DELLA TECNOLOGIA “LEONARDO DA VINCI”

Un museo nominato a Leonardo da Vinci non può che essere il luogo ideale per conoscere e ammirare il genio del Maestro. Non solo con la serie di disegni, e invenzioni tecnologiche in mostra, ma anche e soprattutto attraverso la nuovissima “Leonardo Parade”, un’esposizione molto affascinante e particolare, pronta a accostare scienza, arte e invenzioni prodigiose sia di mezzi aerei che acquatici. In mostra non solo i progetti ma anche le rappresentazioni di veri e propri modelli in gesso e terracotta risalenti agli anni ’50 e che rendono l’idea, vista la precisione e il realismo che li contraddistingue, della creatività ma anche della vena tecnologica e dell’ingegno di questo incredibile personaggio. A Leonardo sono dedicate la sezione "Arte e Scienza" e la "Galleria Leonardo Da VInci" con modelli di gru girevoli, macchine battipalo, studi di architettura su città ideali e molte altre stabilianti sorprese. Nella sezione approfondimenti, si possono vedere anche suoi incessanti e incostanti studi di anatomia, geologia o cartografia. 

http://www.museoscienza.org

CASTELLO SFORZESCO E LA SALA DELLE ASSE

In questo elenco non poteva certo mancare la Sala Delle Asse del Castello Sforzesco, interamente affrescata da Leonardo nel 1498 con raffigurazioni di alberi e di vegetali. Lavorando incessantemente per conto di Ludovico il Moro, Leonardo rese omaggio al suo prestigioso committente con figure affascinanti a sfondo naturalistico e paesaggistico dove al centro di tutta questa "vegetazione" compare ben evidenziato lo stemma della famiglia Sforza a cui Ludovico il Moro Duca di Milano, marito di Beatrice d'Este,  apparteneva. 

https://www.milanocastello.it/it

Per informazioni più approfondite o consigli per il vostro viaggio a Milano, vi ricordiamo che la nostra Concierge Riva è sempre a vostra disposizione con i suoi preziosi suggerimenti scrivendo a guest@hotelmilanoscala.it.

Buon tour di Leonardo a Milano! 

(pics via Pinterest)

Via dell'Orso, 7 - 20121 - Milano (MI)
Tel. 02/870961 - Fax 02/87096096
PI 12423010151 - info@hotelmilanoscala.it

Vai al sito ufficiale